Contratto preliminare per bene da acquistarsi in comunione e fallimento.

La Cassazione ha recentemente affermato che, qualora un contratto preliminare abbia a oggetto un bene da acquistarsi in comunione, si deve presumere, salvo che risulti il contrario, che le parti lo abbiano considerato un unicum inscindibile. Ne consegue – afferma la Superma Corte – che la scelta del curatore del fallimento del promissario co-acquirente di scioglimento dal rapporto ex art. 72 LF determina la caducazione complessiva del vincolo contrattuale e preclude al promittente venditore la possibilità di esercitare l’azione di esecuzione in forma specifica nei confronti degli altri.

(Cass. 16-06-2016, n. 12462)

Alberto Angeloni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...