Responsabilità degli amministratori di s.r.l. e fallimento. Legittimazione processuale.

La Corte di Cassazione ha statutito che, in caso di fallimento di società a responsabilità limitata, il curatore fallimentare, ai sensi dell’art. 146, 2º comma, lett. a), l.fall., è l’unico soggetto legittimato a proseguire l’azione di responsabilità sociale già promossa dal socio, nella qualità di sostituto processuale della società, ai sensi dell’art. 2476, 3º comma, cod.civ.. Sicché, ove nel giudizio d’appello, riassunto nei confronti del fallimento, il curatore manifesti l’intento di non proseguire l’azione originariamente promossa, la domanda va dichiarata improcedibile per il sopravvenuto difetto di legittimazione attiva del socio.

Cass.  31 maggio 2016, n. 11264.

  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...